https://www.ideegreen.it/jeans-in-cotone-biologico-92172.html

https://www.ideegreen.it/jeans-in-cotone-biologico-92172.html

JEANS IN COTONE BIOLOGICO

Jeans in cotone biologico, da indossare, perché anche all’esterno sia evidente che abbiamo un’anima green e pensieri green “incontenibili”. 
A produrli è un’azienda nata nel 2012 nella provincia di Bergamo: Par.co Fashion con il loro brand Par.co Denim
Forte della tradizione radicata nel territorio d’origine, questa realtà guarda avanti e fa tesoro del patrimonio storico proponendo abbigliamento denim sostenibile, jeans in cotone biologico disegnati e sviluppati dalla stessa Par.co e prodotti nella stessa provincia di Bergamo per produrre un capo di qualità artigianale, a chi desidera indossare un capo green made in Italy, la possibilità di acquistarlo ad un prezzo accessibile.

Finalmente la moda sostenibile non è d’élite e già lo si comprende vedendo che c’è un jeans, protagonista, emblema di un genere di abbigliamento che vuole essere easy e adatto a tutti. Se in cotone biologico, adatto a tutti coloro che cercano uno stile estetico ma anche uno stile di vita ineccepibile.

Par.co Denim produce i propri capi con una grande attenzione a ridurre l’impatto sull’ambiente, sia nella scelta dei fornitori e dei produttori di abbigliamento, sia nel rispetto della qualità della vita e della salute delle persone che indossano i suoi jeans.

Jeans in cotone biologico: i materiali usati

Il cotone proveniente da agricoltura biologica viene poi tessuto da aziende italiane certificate GOTS, OEKO-TEX, SA8100 in tutti i processi di filatura, orditura, tessitura, tintura e finissaggio, oppure che hanno firmato l’impegno di Greenpeace nella campagna Fashion Detox.    (leggi tutto).


https://www.greenme.it/spazi-verdi/green-things/3146-moda-etica-i-jeans

https://www.greenme.it/spazi-verdi/green-things/3146-moda-etica-i-jeans

MODA ETICA: JEANS ARTIGIANALI MADE IN ITALY, ECO-SOSTENIBILI

Oggi il mercato del fashion crea veramente di tutto per accaparrarsi più consumatori possibili e lo fa molto spesso utilizzando, come unico criterio, quello del minor costo possibile. Prendiamo ad esempio il jeans, il capo forse più presente nei nostri armadi, perché unisce gusto estetico e praticità.

I jeans di oggi riescono a raggiungere un costo al pubblico a volte ridicolo, come?

Per lo più con lo sfruttamento della mano d’opera, con cotone OGM fatto crescere con l'aiuto di pesticidi, con lavaggi e tinture che vengono effettuati senza nessun tipo di controllo, con sostanze chimiche velenose che poi scaricano ad ogni lavaggio della nostra lavatrice, nelle nostre acque e soprattutto sulla nostra pelle.

Noi acquirenti però diventiamo sempre più sensibili all'argomento sostenibilità, e siamo proprio noi a poter indirizzare, con le nostre scelte e i nostri acquisti, il mercato verso una politica che unisca l'estetica all'etica.

Oggi vi parlo di una realtà italiana in cui mi sono imbattuta per lavoro, che si unisce al panorama sempre più in crescita della moda etica: Par.co denim

In tre parole: moda sostenibile, filiera corta, rispetto dell’ambiente.  (leggi tutto).


http://www.alternativasostenibile.it/articolo/vestirsi-green-con-i-par-co-jeans-appuntamento-alla-fiera-di-francoforte-innatex-30-luglio-1-agosto-.html

http://www.alternativasostenibile.it/articolo/vestirsi-green-con-i-par-co-jeans-appuntamento-alla-fiera-di-francoforte-innatex-30-luglio-1-agosto-.html

Vestirsi green con i Par.Co Jeans. 

Dopo aver partecipato all’Ethical Fashion di Amsterdam, Milano e Berlino, Par.Co Denim presente a Francoforte per InNaTex, la fiera internazionale per il tessile naturale e sostenibile, che comprende non solo la moda ma anche altre categorie di prodotti tessili – come accessori, tessuti per la casa, giocattoli – il tutto all’insegna del green e dell’eco-sostenibilità. Par.Co Denim la nuova collezione, con tessuti e nuovi fit che si aggiungeranno a quelli già esistenti.  

L’impegno di Par.Co Denim nella sostenibilità e nell’attenzione all’ambiente ha fatto parlare di sé e si è guadagnato l’adesione al Progetto Animalfree.info della LAV (lega anti vivisezione http://www.animalfree.info), aderendo al progetto con il maggior livello di rating VVV+; questa valutazione è il rating etico basato sul non utilizzo di materiali di origine animale. Rinunciando all’uso di “pelliccia”, “piume”, “seta e pelle” e “lana”, l’azienda conferma di essere Animal Friendly in tutto e per tutto. (leggi tutto).


http://vendettauncinetta.vanityfair.it/2016/06/03/jeans-par-co-certificati-ecologici-e-sostenibili/


Fatti totalmente in Italia e realizzati in cotone biologico: i jeans Par.co Denim.

Nata nel 2012 con un’anima protesa allo sviluppo sostenibile, in pieno periodo di crisi del settore tessile con quasi il 20% delle aziende bergamasche costretta a chiudere i battenti, i jeans Par.co stanno facendo sempre più parlare di se per la scelta produttiva senza compromessi: moda sostenibile, filiera corta, rispetto dell’ambiente.

Par.Co Fashion crede che un prodotto di qualità non possa prescindere dalla sostenibilità ambientale. E poichè tutti si devono impegnare per ridurre le emissioni di CO2, ha creato un jeans unico, in cotone biologico certificato da GOTS (Global organic textile standard), sia per quanto riguarda la materia prima che i processi produttivi come filatura, orditura, tintura e tessitura. Per realizzare un jeans tradizionale si utilizzano 10.000 litri d’acqua, mentre Par.Co Fashion ha scelto dei lavaggi innovativi con forte riduzione d’acqua, senza utilizzo di sostanze chimiche, pericolose per l’ambiente, per chi le produce e chi le indossa. I jeans dal design inconfondibile con grande cura dei dettagli sono stati presentati con successo nelle principali fiere di settore, Fair & Ethical Fashion a Milano ed Ethical Fashion Show a Berlino e recentemente sono stati anche inseriti nella collezione Auteurs du Monde, la linea di moda etica di Altromercato.  (leggi tutto).


http://www.snapitaly.it/par-co-denim/
Intervista ai fondatori del brand ecologico Par.co Denim, specializzato nella produzione di jeans ecosostenibili, prodotti completamente Made In Italy.

I jeans sono gli indumenti più comuni ed utilizzati nel mercato del fashion. Uniscono gusto estetico e praticità, riuscendo sempre ad essere al passo con i tempi. Ma, purtroppo, la loro produzione è anche una delle più discusse, per sfruttamento della mano d’opera e per impatto ambientale. Ore e ore di lavorazione – spesso con lavoratori sottopagati e non tutelati – e metodi di lavaggio, invecchiamento e tintura che causano enormi danni alla salute e all’ambiente. Basti pensare alla tecnica della sabbiatura o alle tinture chimiche utilizzate dalla stragrande maggioranza dei marchi. Ma c’è chi dice no! Stiamo parlando di Par.Co Denim, un’azienda bergamasca che disegna e produce jeans e abbigliamento sostenibile.

L’avventura è iniziata nel 2010 e si è sviluppata nel tempo, avvalendosi della collaborazione di artigiani lombardi. Il brand si impegna, sin dalla sua fondazione, ad utilizzare materie prime naturali ed ecologiche, oltre che tessuti certificati e tecniche di lavorazione a basso impatto ambientale.

Dietro questo meraviglioso progetto ci sono quattro giovani italiani, che hanno unito la loro passione per il denim al rispetto per l’ambiente. Laura Robotti e Giada Maffeis, con i loro soci e una squadra di artigiani lombardi dall’esperienza ultradecennale, hanno deciso di portare avanti la loro idea innovativa, per creare un Made In Italy bello e sostenibile. (leggi tutto).


http://www.ansa.it/lifestyle/notizie/moda/accessori/2016/04/29/moda-arrivano-i-jeans-solidali-in-cotone-biologico_3d3de455-88ef-4b6a-82a5-1b9c1d3169bf.html
http://www.ansa.it/lifestyle/notizie/moda/accessori/2016/04/29/moda-arrivano-i-jeans-solidali-in-cotone-biologico_3d3de455-88ef-4b6a-82a5-1b9c1d3169bf.html
Par.co Denim nella selezione prodotti di Altromercato

 Nascono in Italia e sono realizzati in cotone biologico: sono i jeans Par.co Denim per la collezione Auteurs du Monde, linea di moda etica di Altromercato. I nuovi jeans prodotti dall'azienda bergamasca Par.co Fashion che ha accolto il progetto di Altromercato a sostegno delle realtà produttive di qualità e socialmente responsabili che operano in Italia secondo i principi del Commercio Equo e Solidale. Sono due i modelli di jeans in cotone biologico proposti: Straight, a sigaretta, regular fit, vita media e gamba dritta regolare, e Bootcut, vita media con fondo gamba aperto. Entrambi modelli per donna e in due lavaggi, uno blu scuro e l'altro più chiaro.

Hanno buona vestibilità e sono morbidi al tatto. Il tessuto è prodotto con cotone bio certificato Gots (Global Organic Textile Standard). Filatura, orditura, tintura e tessitura sono certificati Gots in Italia dall'Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale (ICEA). Taglio e confezione sono realizzati da artigiani bergamaschi. La scelta di utilizzare solo cotone biologico, libero da Ogm e pesticidi, riduce nettamente le emissioni e i consumi di acqua, elimina le sostanze tossiche e pericolose, rendendo i capi più salutari per chi li indossa. (leggi tutto).


http://www.vendettauncinetta.com/par-co-denim-i-jeans-etici-sono-made-in-italy/
http://www.vendettauncinetta.com/par-co-denim-i-jeans-etici-sono-made-in-italy/
Proprio da quell’Italia che in passato ha detto la sua nel mondo in campo denim e di trattamenti artigianali anni fa è nato un progetto finalmente diverso, affidabile, curato in tutte le fasi della catena di produzione: i jeans etici Par.co Denim.


Come molti di voi già sapranno, il capo che tutti indossiamo e di cui abbiamo più di un paio nell’armadio, il jeans, è il capo potenzialmente più inquinante da realizzare. Ho lavorato circa 18 anni nel campo della moda e mi ricordo di quando entravo in una delle importanti lavanderie italiane specializzate nei trattamenti dei jeans: pietre (piccole, medie, grandi), candeggina, spray, serigrafia, sabbiatura, carta vetrata, lavaggi con the, dettagli ruggine, effetti 3D per simulare l’usura a “portafoglio” nella tasca posteriore dei jeans. Scuciture, rammendi, toppe, buchi, tagli con taglierino e forbici fatti a mano o meccanicamente. Un lavoro ed opzioni infinite, una manodopera artigiana e specializzata fra le migliori al mondo che ha fatto la storia del denim. Poi tutto è finito quando, dopo un periodo di estremizzazione, il “lavaggio” è passato un po’ di moda e si è avuta nostalgia di un prodotto più pulito e basico, magari con un fit diverso. Il periodo Acne e Cheap Monday, per intenderci.  (leggi tutto).

Gaia Segattini - Designer, Book author, founder at Vendetta Uncinetta and blogger at VanityFair.it.

http://it.fashionmag.com/news/Auteurs-du-Monde-arrivano-i-jeans-in-cotone-biologico-e-solidali,688205.html

Auteurs du Monde: arrivano i jeans in cotone biologico e solidali prodotti da Par.co Denim.


Nascono in Italia e sono realizzati in cotone biologico: sono i jeans Par.co Denim per la collezione Auteurs du Monde, linea di moda etica di Altromercato. I nuovi jeans prodotti dall'azienda bergamasca Par.co Fashion che ha accolto il progetto di Altromercato a sostegno delle realtà produttive di qualità e socialmente responsabili che operano in Italia secondo i principi del Commercio Equo e Solidale.  (leggi tutto).


http://www.ambienteambienti.com/jeans-cotone-biologico-ora-si/
Jeans Cotone biologico fatti da artigiani nello storico distretto del denim e tessile bergamasco.

«Siamo molto soddisfatti – spiega Chantal Marchetti, responsabile della collezione moda Auteurs du Monde –  di aver individuato in Italia un partner così vicino ai nostri valori. Una volta incontrata la realtà Par.co Fashion abbiamo affrontato una lunga e approfondita ricerca congiunta di reciproca conoscenza che ci ha portato a individuare insieme soluzioni in grado di valorizzare al tempo stesso i prodotti Par.co Denim e la nostra linea. Da oggi, quindi, Auteurs du Monde può offrire un capo immancabile nel guardaroba di ognuno di noi, realizzato nel rispetto dell’ambiente e delle condizioni di lavoro delle persone: criteri troppo spesso dimenticati in un contesto come quello della moda, ma rilevanti per una fascia sempre più ampia di consumatori». 


http://www.altromercato.it/auteurs-du-monde/jeans
http://www.altromercato.it/auteurs-du-monde/jeans

Nascono dalla collaborazione con l’azienda bergamasca Par.co Fashion i primi jeans in cotone biologici, modelli unici, nel segno dell’etica e della sostenibilità. Ora nelle Botteghe Altromercato.

Moda sostenibile, filiera corta, rispetto dell’ambiente: ogni capo di jeans è unico perché viene confezionato singolarmente con cura da artigiani con 50 anni d’esperienza che valorizzano il cotone biologico certificato. La moda sostenibile rappresenta un diverso approccio al design, alla scelta dei fornitori e, attraverso la scelta di materie prime naturali e biologiche, riduce l’impatto sull'ambiente e tutela la salute delle persone.


http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Spettacolo/Jeans-cotone-biologico-sono-solidali/29-04-2016/1-A_025764343.shtml

Jeans in cotone biologico sono etici.

Nascono in Italia e sono realizzati in cotone biologico: sono i jeans Par.co Denim per la collezione Auteurs du Monde, linea di moda etica di Altromercato. I nuovi jeans prodotti dall'azienda bergamasca Par.co Fashion che ha accolto il progetto di Altromercato a sostegno delle realtà produttive di qualità e socialmente responsabili che operano in Italia secondo i principi del Commercio Equo e Solidale. Sono due i modelli di jeans in cotone biologico proposti: Straight, a sigaretta, regular fit, vita media e gamba dritta regolare, e Bootcut, vita media con fondo gamba aperto. 



Fashion Revolution Day: 10 brand sostenibili Made in Italy

«Per il Fashion Revolution Day abbiamo selezionato i migliori brand italiani nel panorama della moda sostenibile»

La moda è da sempre sinonimo di bellezza e gusto estetico, ma è anche espressione del mondo attorno a noi. Gli abiti che indossiamo sono portavoce, quindi, non solo delle nostre scelte personali, ma anche di ciò che ci circonda. Il mercato del fashion fa di tutto per accontentare e stupire i consumatori, ma al giorno d’oggi questo non significa solo offrire capi accattivanti e a buon mercato. Il pubblico è ormai sempre più sensibile ad argomenti come la responsabilità sociale e la sostenibilità, e anche l’industria della moda sta iniziando ad offrire prodotti accattivanti non solo esteticamente, ma anche per il loro risvolto etico. Nasce così la Fashion Revolution Week, che dal 18 aprile 2016 coinvolgerà più di 70 paesi, fino a domenica 24 aprile quando in Italia si svolgerà il Fashion Revolution Day.

Nel ricco panorama della moda sostenibile, purtroppo, l’Italia è ancora indietro, ma molte griffe stanno abbracciando questa politica, impegnandosi in progetti etici e solidali.

In occasione del Fashion Revolution Day 2016, Snap Italy ha preparato per voi una lista dei maggiori brand etici del Made In Italy. Molto diversi tra loro, ma con un obiettivo comune: rendere la moda bella e accattivante, ma anche sostenibile.

Par.co Denim è una società bergamasca che disegna e produce abbigliamento sostenibile. La loro mission consiste nell’unire sapientemente le nuove politiche di sostenibilità con la tradizione artigianale italiana, utilizzando solo tessuti biologici e riciclati. (...continua)


http://www.lastampa.it/2015/11/06/scienza/ambiente/moda-e-beauty/made-in-italy-quando-la-moda-guarda-alletica-RXxMG3s1VOW5fSvpUTZsSL/pagina.html
L’Italia che non molla: ecco la rivincita del fashion. Innovazione e tradizione insieme per un nuovo concept di bellezza intesa non solo in senso estetico ma anche etico.

Made in Italy: quando la moda guarda all'etica.

Sii il cambiamento che vorresti vedere nel mondo” diceva Gandhi, politico e filosofo indiano, un grande uomo che ha lottato per i diritti umani della sua gente con metodi non violenti. Oggigiorno sono tante le realtà che, nel loro piccolo, portano avanti delle battaglie: tutti sono invitati a prestare il proprio contributo al fine di costruire un mondo migliore. Nessuno escluso, anche il mondo della moda porta in scena sempre più nuovi protagonisti che, anziché fuggire dal Belpaese in cerca di fortuna, si mettono in gioco per rivoluzionare il modo di lavorare nel rispetto della qualità della vita e della salute delle persone e dell’ambiente. 

Parola a Par.co Denim, un'azienda bergamasca che pensa, disegna e produce jeans e abbigliamento sostenibile avvalendosi della collaborazione di abili artigiani lombardi. L’impegno è quello di utilizzare materie prime naturali e biologiche, tessuti italiani e giapponesi quali fibre di cotone biologico certificati GOTS e ancora bambù, canapa, lino, cotoni riciclati anche con tinture vegetali. Al fine di rendere ogni modello unico e di grande appeal, vengono effettuati lavaggi e trattamenti che permettono di ottenere quell’effetto “used” con ghiaccio, resine vegetali e con Eco-aging, il metodo naturale e 100% biodegradabile che dice addio alle famose sabbiature, note per essere pericolose per l'ambiente e per la salute. Il tutto non fa che ridurre sensibilmente il consumo di acqua, eliminare l'utilizzo di sostanze chimiche e, allo stesso tempo, offrire prodotti di qualità dal design ricercato (leggi tutto).


Per i grandi marchi non funziona, ma ci sono molti esempi di successo tra le aziende più piccole.

La moda ecosostenibile

... Per quel che riguarda l’Italia, a maggio 2015 si è tenuto a Milano il Fair & Ethical Fashion Show, una fiera dedicata alle aziende del commercio equo e solidale. Tra quelle con maggior successo di vendita c’è Cangiari, che produce una linea di vestiti prêt-à-porter fatta con tessuti di fibre organiche realizzati su telaio, secondo la tradizione calabrese. Par.co Denim produce jeans creati da artigiani lombardi con tessuti italiani e giapponesi in bambù, canapa, lino, cotoni riciclati e colorati con tinture vegetali... (leggi tutto)


https://www.facebook.com/TessaGelisio/posts/1080966848601735
Ecocentrica
Nella moda eco e bellezza si sposano senza rinunce 

Eco non vuol dire cheap

Prendete i jeans. Uno dei capi più comuni (e pratici) che ci sia è anche uno dei più discussi. Tecniche di invecchiamento, cotone ad alto impatto e sfruttamento della manodopera in condizioni di sicurezza e igiene scarsissime in paesi in cui i diritti dei lavoratori sono ancora un miraggio. Senza parlare dell’impatto ambientale. Per un paio di jeans ci vogliono quasi 10.000 litri d’acqua e una decina di passaggi in vasche di tintura. Eppure… Belli i jeans che indosso nella cover e qui sopra eh? Sono della Par.co denim, una ditta tutta italiana e molto green. Lavorano con tessuti italiani e giapponesi di cotone biologico tagliati e cuciti da artigiani italiani.

Producono Jeans cimosati crudi e Denim con lavaggi a secco e trattamenti con Eco-aging, composto naturale 100% biodegradabile; senza contare che sperimentano tanti tessuti a minore impatto come bambù, canapa, lino, cotoni riciclati ... (leggi tutto)

Blog, tv e Social

https://sites.google.com/a/parcofashion.eu/ecommerce/aboutus/stampa/Copertina_Articolo-001.jpg
https://www.facebook.com/parcofashion/photos/a.229232710522526.44699.224757017636762/715105698601889/?type=3&theater
Il Jeans di stile che rispetta l'ambiente 

La giovane azienda Made in Italy per fare moda senza sprecare

Un Jeans sostenibile che tiene conto dello spreco d'acqua nell'intero processo produttivo, che evita le sabbiature per dare l'effetto "usato" tanto di moda oggi e che non utilizza e non disperde sostanze nocive nell'ambiente. Un prodotto che punta al mercato del fashion senza dimenticarsi della propria impronta sul pianeta.  (leggi tutto)

edizione stampata

Io donna Corriere
Jeans biodegradabili, sneakers a impatto zero, cappelli artigianali. 

A Milano, lo Spazio Ex-Ansaldo in zona Tortona ospita il Fair & ethical fashion show.

Al Fashion Show di Milano, accanto agli stand (con realtà come Par.Co Denim con i jeans biodegradabili, Cadò con la sua produzione di cappelli artigianali, la tedesca Lebenskleidung, produttrice di capi confezionati con bio-tessuti o Womsh, che porterà da Padova le sue sneakers a impatto zero), saranno presenti allestimenti a cura di Cangiari e Laura Strambi, che per presenterà una “Capsule Collection” ideata appositamente per F&EFS realizzata con tessuti e accessori di produttori del circuito commercio equo e solidale... (leggi tutto)

edizione stampata e online

http://www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/fair-ethical-fashion-show-moda-etica

Fair & Ethical Fashion Show, vetrina della moda etica e sostenibile.

Produrre in modo diverso è possibile ed è necessario farlo subito. È questo il messaggio della prima esposizione internazionale di moda equa e sostenibile.


“Fair & Ethical Fashion Show offre una visione dello stile in cui i brand tornano a dialogare con i propri utenti secondo principi di responsabilità etica, sociale e ambientale senza rinunciare alla creatività e all’innovazione”, ha affermato l’assessore alle politiche del lavoro Taiani. E a promuovere questo messaggio ci hanno pensato trentadue produttori artigianali provenienti dall’Italia e dal resto del mondo.
 
I protagonisti
L’azienda bergamasca Par.co Denim, nota per i suoi jeans realizzati con tessuti biologici e naturali 100 per cento biodegradabile, ha esposto anche una collezione di accessori glamour, in collaborazione con un’artigiana che si serve di materie prime esclusivamente sostenibili di upcycling dei loro scarti di produzione.  (Leggi tutto)
edizione online

http://www.focus.it/ambiente/ecologia/fairandethical-fashion-show-dal-22-al-24-maggio-milano-si-veste-con-la-moda-etica-e-sostenibile
Milano si 'veste' con la moda etica e sostenibile

Al via la prima fiera internazionale della moda equa, etica e sostenibile con una trentina di espositori di capi, tessuti e accessori del settore e un fitto programma di appuntamenti tra convegni, workshop, presentazioni e proiezioni, tra cui la première italiana di 'The True Cost', l'ultimo film di Andrew Morgan

Ma i grandi protagonisti del primo salone internazionale della moda equa, etica e sostenibile, che si svolge nella cornice della World Fair Trade Week 2015, saranno le aziende e i produttori provenienti dall'Italia e non solo.  Ci sarà, tra le altre realtà del settore, l'azienda bergamasca Par.co Denim con i suoi jeans cimosati di cotone biologico certificato e trattamenti naturali e 100% biodegradabili. (Leggi tutto)

edizione online

Economia / Innovazione. 

Par.co, i jeans ecologici in denim giapponese

Il none collettivo è «Par.co», sotto il quale collaborano quattro ragazzi bergamaschi con la passione per il denim. Segni particolari del gruppo: disegnano, producono e vendono capi, in particolare appunto jeans, importando denim giapponese di cotone certificato. Un progetto che Laura Robotti e Giada Maffeis stanno sviluppando con altri due soci, avvalendosi per la produzione di una confezione artigianale di Mozzanica, con un'esperienza ultradecennale nel settore. Il fatturato della start up nel primo anno si è attestato sui 40 mila euro: per svilupparlo si punta anche sul concept store aperto da qualche settimana in Borgo Santa Caterina che propone, oltre a capi firmati Par.co, jeans, camicie e accessori sopratutto di denim, t-shirt, polo di cotoni organici e di ortica trattata al vapore, felpe, borse e scarpe tinti naturalmente. La produzione di jeans? Da 75 euro a 500 euro e oltre è all'insegna della biosostenibilità delle materie prime e dei trattamenti, con lavaggi che, grazie a tecniche innovative, permettono di ridurre quasi a zero l'utilizzo dell'acqua. Per il momento i 5 fits uomo e i 3 donna, in diversi lavaggi, sono realizzati con tessuti made in Japan di altissima qualità, anche se a breve nel campionario saranno introdotti tessuti italiani realizzati da un artigiano veneto. Tra i clienti dell'e-commerce, gli esigenti Paesi del Nord-Europa, con norvegesi che non esitano ad aquistare jeans italiani ecologici. Più che mai unici. (dt)

Pagina 10
Edizione stampata e online.

http://e.issuu.com/embed.html#6111701/10336502
Infosostenibile Par.co Denim
infoSOStenibile, periodico di informazione sugli stili di vita sostenibili.


Da qualche anno, Borgo Santa Caterina, quartiere storico di Bergamo, è diventato la culla di piccole boutique di charme, realtà di piccole dimensioni, ma curatissime nei dettagli. Tra queste, un negozio che ha aperto all’inizio dell’estate in via Borgo Santa Caterina 11 ha già attirato l’attenzione di molti passanti e appassionati di moda sostenibile. Si tratta del primo Green Concept Store di Par.Co Denim, l’atelier dove acquistare capi d’abbigliamento eco e alla moda. Le creatrici di Par.Co Denim sono tre giovani donne bergamasche, Laura Robotti, Giada Maffeis e Raffaella Tavani, che hanno fatto dell’innovazione la forza motrice del progetto; i capi che propongono non hanno nulla da invidiare a quelli dei grandi brand, ma la differenza è sostanziale: sono realizzati utilizzando tecniche di lavorazione ecologiche.

Il negozio, in realtà, è la vetrina di un progetto ben più ampio nato nel 2012 da un sogno: contribuire alla protezione della natura. Da qui l’idea di fare qualcosa di concreto per realizzarlo, producendo jeans per uomo e donna nel totale rispetto dell’ambiente e dei lavoratori. L’impresa non è così facile come potrebbe sembrare, perché la filiera tessile è tra le più inquinanti e poco etiche del mondo: ma le tre giovani riescono a realizzare la prima collezione, scegliendo tessuti denim di cotone biologico e affidando la produzione a un laboratorio artigianale di grande esperienza, sito nella provincia di Bergamo.

Nascono così i jeans di Par.Co Denim, capi di alta qualità, realizzati con accessori tutti italiani e denim giapponese “cimosato”: il materiale non è prodotto su telai industriali ma artigianali, come dimostra la cucitura interna del jeans; la riga della cimosa è, infatti, il bordino di chiusura colorato che si trova alle due estremità del tessuto prodotto su piccoli telai.

Questa ricerca della sostenibilità è ammirevole, soprattutto tenendo conto del fatto che molti grandi marchi si affidano a produzioni low cost, nelle quali i lavoratori non sono tutelati. Un esempio su tutti è quello del “sandblasting”, tecnica che viene utilizzata per dare ai jeans l’effetto di capi scoloriti e già usati. Questo tipo di lavorazione è spesso realizzata da operai che devono puntare contro i jeans un getto ad alta pressione di sabbia ed aria che consuma per abrasione il tessuto e lo schiarisce in alcune sue parti. In molte zone del mondo (come Turchia e Bangladesh), questo lavoro è estremamente pericoloso poiché viene utilizzata sabbia ad alta concentrazione di silice che, inalata dagli operai, porta alla silicosi, malattia polmonare incurabile.

Anche Par.Co Denim offre jeans schiariti ma ottiene l’effetto “used” attraverso il metodo Eco-Aging: la sabbia silicea è sostituita da bucce di frutta secca e altri scarti vegetali; in questo modo vengono evitate sostanze chimiche pericolose per l’ambiente e per la salute di chi lavora. Anche i lavaggi dei capi sono eco-friendly: Par.Co Denim si affida a lavanderie italiane che utilizzano tecnologie innovative per ridurre il consumo di acqua.

Pronta la collezione, nel 2013 Par.Co sbarca online e viene subito notato da compratori del Nord Europa, più preparati e attenti verso prodotti di questo tipo. Nel Green Concept Store si possono trovare anche prodotti di altri brand italiani che condividono la stessa attenzione per l’ambiente e per i lavoratori: non soltanto t-shirts, polo, felpe, top e vestiti di cotone biologico, ma anche capi realizzati con ortica trattata al vapore, lino e canapa, tutti colorati utilizzando tinture naturali.

Livia Salvi

Par.co Denim Jeans Biologici Jeans Italiani moda tendenze eco



Moda e tendenze. Stampata e online. 

Denim sostenibile made in Bergamo
Sono le ragazze di Par.Co
 
Sono di Bergamo, giovani e con un progetto green tutto da sviluppare. E fanno denim, che arriva dal Giappone, ecosostenibile, tagliato, lavato e confezionato nella Bergamasca. Il brand si chiama Par.co Denim (parcofashion.eu) e loro hanno un negozio-atelier in Borgo Santa Caterina 11a, in città, oltre che coraggio da vendere considerando i tempi bui del commercio.

Laura Robotti, Giada Maffeisi – tutte con un’età compresa tra i 25 e i 36 anni – hanno sviluppato una rete di contatti con realtà giapponesi che si occupano di denim sostenibile: «Partiamo dalla consapevolezza che la natura e l’ambiente devono essere protetti: da qui abbiamo deciso di investire energie e risorse nella “Green Fashion”» spiega Laura. Dal Giappone la principale scelta di materiali organici, manifattura, lavaggi, trattamenti e accessori sono invece tutti italiani: «Materie prime naturali e tinte vegetali, unite a importanti cambiamenti nella filiera della produzione, permettono di ridurre sensibilmente il consumo dell’acqua, eliminando le sostanze chimiche per un uso più etico delle risorse». Uno sviluppo sostenibile che passa dalla moda: i jeans delle ragazze di Par.co Denim sono infatti il primo passo verso una collezione più completa che pensa al total look. Intanto c’è una linea di pantaloni uomo e donna: dal modello skinny a quello loose, fino ad uno dove il denim «veste» il classico modello di pantalone maschile rendendolo più contemporaneo.

Questo puntando sullo spazio appena aperto con capi e accessori moda dalla filiera sostenibile. Qualche esempio? Il brand Transition 10, di Andrew Grout, inglese con una piccola produzione in Italia che lavora la juta riciclata e l’ortica, ma anche il lino e la canapa di Limes, marchio bergamasco di Antonio Madeo. «Vogliamo creare un circolo virtuoso, aprendo il nostro negozio a marchi locali di moda eco» è l’appello di Laura. Con tanto di curiosità: la sabbiatura (scoloritura, ndr) dei jeans può essere evitato con l’«eco-aging», che spara bucce di frutta secca e residui recuperati naturali sopra il denim. Una tecnica più complessa, ma senz’altro più sostenibile. Tutta da scoprire.

Fabiana Tinaglia. L'Eco di Bergamo.  Riproduzione riservata.

Par.co Denim Jeans Biologici Jeans Italiani moda tendenze eco
http://www.ecodibergamo.it/stories/Economia/fa-la-cosa-giustatanti-bergamaschi-in-fiera_1104216_11/



Economia.

«Fa’ la cosa giusta!»
Tanti bergamaschi in fiera
 
Dal 13 al 15 marzo 2015, Milano ospiterà «Fa’ la cosa giusta!», la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, che giunge alla sua dodicesima edizione e si terrà, come di consueto, negli storici padiglioni di Fieramilanocity.

LLa scorsa edizione si è chiusa con 70 mila visitatori, oltre 700 espositori, 3300 studenti, 600 giornalisti, 29 mila metri quadrati di padiglioni espositivi, confermandosi uno dei principali punti di riferimento per il settore dell’economia solidale e sostenibile.

In fiera anche Par.co Denim, progetto nato dalla consapevolezza che la natura e l’ambiente devono essere protetti​: da qui una collezione di jeans uomo e donna usando tessuto denim di cotone biologico​. ​Questo in collaborazione con una piccola confezione di artigiani italiani con 50 anni di esperienza della provincia​ e con lavanderie inno​vativ​e​ ​​italiane che utilizzano lavaggi eco-friendly con ghiaccio​ e laser e ​con ​trattamenti con il metodo Eco-Aging​. Si tratta di una tecnica ​che sostituisce le sabbiature silicee con scarti vegetali riducendo il consumo di acqua durante il lavaggio e le sostanze chimiche pericolose per l’ambiente e per la salute di chi lavora e di chi li indossa.

Fabiana Tinaglia. L'Eco di Bergamo.  Riproduzione riservata.


http://www.bergamopost.it/vivabergamo/par-co-denim-in-borgo-s-caterina-i-jeans-si-indossano-green/
Bergamo Post, edizione online.

Par.co Denim in Borgo S. Caterina.
I jeans ora si indossano green

Può un paio di jeans essere etico e realizzato ancora da artigiani bergamaschi? Sì, se a crederci sono ragazze dinamiche, consapevoli che natura e ambiente vanno protetti con intelligenza e tecniche d’avanguardia.

Laura Robotti e Giada Maffeis sono le amministratrici della società Par.co Fashion, una realtà tutta Made in Italy, che sulla qualità dei tessuti non scherza affatto. Disegnano collezioni uomo e donna con tessuto denim in cotone biologico, e per sbiancare i jeans si appoggiano a lavanderie innovative che utilizzano lavaggi eco-friendly. Hanno una concezione onesta del lavoro e cercano di produrre oggetti senza che a farne le spese sia il Pianeta.

«La nostra società è nata nel 2012, dopo aver sviluppato un progetto green nel mercato del denim sostenibile – racconta Laura, mostrando i capi dai tagli grintosi e giovanili, esposti nello store in Borgo Santa Caterina 11/A –. Siamo partiti con la vendita online nei paesi del Nord Europa, che da sempre sono sensibili alle tematiche ambientali, e a giugno abbiamo deciso di aprire il nostro primo punto vendita proprio qui, nel cuore di Bergamo». Par.co nel Borgo è dunque il primo green concept store di Bergamo, uno spazio dove spiccano le camicie ed i jeans del brand Par.co Denim, ma anche prodotti di fornitori italiani che puntano alla sostenibilità.

Così, in un arredamento che si compone di tavoli ricavati da bancali sbiancati, sfilano capi d’abbigliamento in cotone organico, t-shirt, polo, felpe, top e orologi ed occhiali di legno. Insomma, una vera e propria casa del tessile di ultima generazione, che ha il suo manifesto nel cartello posto all’entrata: «I nostri capi sono realizzati con fibre naturali e tessuti biologici, nel rispetto dell’ambiente e dell’uomo. Gli articoli in denim sono confezionati da noi, con il marchio Par.co Denim, tutti rigorosamente Made in Italy».

«Per aumentare la sostenibilità dei prodotti – prosegue Laura – stiamo lavorando con piccoli artigiani bergamaschi, che inseriscono nel tessuto filati di canapa, lino e bambù, piante che necessitano di un minor consumo d’acqua per la lavorazione, rispetto al cotone. Abbiamo anche abiti di ortica trattata al vapore, e giacche di lana, tinte con colori naturali».

Una curiosità. Il nome dei jeans deriva da Jeane, traduzione di Genova in lingua inglese. La marina genovese, infatti, vestiva i marinai con una tela blu composta di cotone e lino, già a partire dal XVI secolo. Il capo d’abbigliamento è dunque un’intuizione italiana, che da secoli affascina e conquista intere generazioni, diventando protagonista di tendenze giovanili. Ora addirittura green!




Chi siamo        Look book          Shop